Sick Luke
Dopo tanta attesa, ci pensa Sick Luke ad innaugurare l’anno con il suo primo inedito progetto da solista intitolato “X2”. L’album anticipato dal singolo “LA STREGA DEL FRUTTETO” interpretato da chiello e Madame, è uscito il 6 Gennaio e ha già letteralmente diviso in due la critica. Questo genere di progetti realizzati dai producer possono rappresentare un’arma a doppio taglio per i produttori stessi, essendo una vera e propria prova personale, in quanto all’interno di questi producer album inevitabilmente oltre alle strofe e ai testi, risaltano beat e flow, attraverso i quali gli stessi producer cercano di differenziarsi. Questo nuovo format è stato ripreso dopo anni da Night Skinny, il quale con “Mattoni” ha riaperto la strada verso i producer album, invogliano e mettendo alla prova molti suoi colleghi, inoltre TNS ha rimesso in discussione l’importanza dei suoni oltre che dei versi e la conseguente importanza dei producer. “X2” rappresenta l’inizio di un percorso innovativo intrapreso da Sick Luke, ogni singolo brano ha la sua storia ed ogni singolo artista interpreta il brano nel miglior modo possibile, quasi come se tutti gli interpreti che hanno prestato la loro voce per la realizzazione di questo progetto, abbiamo espresso al meglio le loro potenzialità. Esempio lampante è il brano “FACCIO COSE”, all’interno del quale sarà possibile ascoltare le voci di Jake La Furia, Fabri Fibra e Izi, tutti in forma smagliante. Altri esempi sono “FALENA” interpretata da Franco126, Coez e Ketama126, “SOGNI MATTI” interpretata da Leon Faun e Drast, “MOSAICI” con Gaia e Carl Brave. 
Sick Luke è riuscito nell’intento di differenziarsi creando un album innovativo, all’interno del quale sarà possibile trovare differenti beat che possano coinvolgere un pubblico più ampio, raccogliendo così tutti i diversi ascoltatori dei vari generi. All’interno di “X2” sarà possibile passare dal Rap all’Hip-Hop e dalla Trap all’Indie, l’idea è quella di non escludere alcun tipo di ascoltatore coinvolgendo tutti anche attraverso un perfetto connubio di combinazioni di artisti. Basti leggere la tracklist per capire quanto sia accurata la scelta delle varie collaborazioni, quasi come se Sick Luke fosse entrato nella testa di noi ascoltatori e si fosse chiesto quali combinazioni avremmo voluto per ogni determinato genere. Sfera Ebbasta e tha Supreme in “SOLITE PARE”, Mecna e ARIETE in “IL GIORNO PIÙ TRISTE DEL MONDO”, Ernia e Geolier in “CREATUR”, sono solo alcuni esempi delle combinazioni create dal produttore Italoamericano. L’album è composto da 17 tracce e ovviamente non poteva mancare una canzone interpretata da Sick Luke assieme al padre Duke Montana, il brano in questione si intitola “LIBERTÀ” ed è il brano che chiude il disco quasi come se con questo brano Sick Luke abbia deciso di mettere una virgola anziché un punto. Duke è da sempre fonte di ispirazione per il figlio essendosi addentrato nel mondo dell’Hip-Hop molti anni prima della sua nascita, il padre da sempre continua a spronare il figlio e siamo certi che non poteva finire diversamente l’album se non con una loro collaborazione.
 
Articolo a cura di Niky Fabiano!