TATTOO E RAP, QUANDO I FAN SONO I VERI PROTAGONISTI!

Una canzone, un album, la frase di un brano,  possono rappresentare tanto: un momento significativo della vita, una parte di noi o semplicemente qualcosa che ci ha segnato. Quale miglior modo di ricordarlo se non inciderlo sulla pelle? 

Abbiamo intervistato un fedele fan dei Club Dogo, Alessio Mascolo, che ha deciso di imprimere quel simbolo sulla pelle, per sempre. 

<<Ho deciso di tatuare il simbolo dei Dogo perché per me sono stati più di un gruppo musicale. Riflettersi nei loro testi e sentire versi su versi che raccontano di cose che vivi in maniera analoga, traendone degli insegnamenti: questo è stato il motivo principale. Guardare quel simbolo sul mio braccio mi aiuta nei momenti più difficili ad andare avanti; in pratica sono quello che in un loro testo viene definito come  “chi si fa di Dogo come un tossico con l’oppio”. La loro musica è stata fondamentale nella mia vita. Bisogna guardare i loro testi da un punto di vista culturale e solo chi cresce tra le strade riesce a vederli con determinati occhi. I loro testi insegnano davvero a sapersi comportare nella “giungla” (la strada) e ti permettono di aprire la mente su tutti i problemi di questa società. In particolare, la frase “cane mangia cane” penso serva per ricordarsi che c’è sempre chi cerca di fregarti per realizzare i propri interessi. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1AC3CAA4-DED6-4E39-8C3B-08AA75754FBC-1003x1024.jpeg

Si tratta in primis esperienze vissute sulla loro pelle ed è questo il riconoscimento che meritano per essere sempre stati sempre i real della scena, con la giusta crudità e la giusta sensibilizzazione di queste tematiche.

Uno dei loro brani che più preferisco è “Tutto ciò che ho” in cui nella strofa di Jake emerge come sia stata fondamentale la musica, così lo è stato anche per me quando con un infortunio  sono finito nell’ombra. Anche dopo una forte delusione per una storia d’amore conclusa, loro c’erano con la loro musica e io sarò per sempre loro fan>>. 

Articolo a cura di Sara De Lucia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *