ALE PUNTO E BASTA, SE NON C’E MAGIA QUANDO ASCOLTI MUSICA ALLORA NON FUNZIONA!

– Diamo il benvenuto tra gli amici di Exclusive Magazine ad Alessandro Borgia, in arte Ale Punto e Basta, storico manager del mondo urban Italiano, pluripremiato e inoltre artefice delle più grandi cavalcate per il successo. Come stai Ale?

Tutto bene, lavoro alla stessa intensità di prima però quasi a gratis, speriamo passi in fretta questa pandemia.

– Ti stiamo corteggiando da un pò per questa intervista e abbiamo ritenuto opportuno farlo viste le tue recenti dichiarazioni contro alcuni emergenti “insistenti”, potresti spiegarci meglio cosa è successo?

Ma nulla di che, il mio Dm peggiora di giorno in giorno, ricevo una media di 20 messaggi al giorno che mi chiedono tutti la stessa cosa.
Sono un po’ infastidito, non tanto dal fatto che mi chiedano consiglio, ma più dal fatto che fare Rap / trap / Drill è là moda e la vogliono fare tutti, senza aver un minimo di arte.

– Cosa dovrebbe avere per te l’emergente giusto?

La magia quando l’ascolti.

– Hai seguito e stai seguendo tanti artisti, potresti elencarci le tue 3 soddisfazioni più grandi da quando hai iniziato questo lavoro?

Te ne cito una.

Il primo disco d’oro con Fred De Palma ( Stanza 365)

– Ti abbiamo anche visto spesso con i Dogo, in virtù del ritiro di Emi Lo Zio (annunciato la scorsa settimana in una nostra intervista) e ai vari progetti che Gue e Jake stanno portando avanti da solisti, ti sentiresti di dire che i Dogo torneranno o rimarrà soltanto un sogno nel cassetto?

Per me tornano, però ho chiesto espressamente a uno di loro di essere l’ultimo a venirlo a sapere quando sarà, perciò ne so quanto te.

– Torniamo alla realtà, Boro Boro ha da poco annunciato il suo ritiro dai social per motivi personali, si sta delineando la strada verso un nuovo progetto?

No, è in una fase riflessiva della sua vita e bisogno di ritrovare la sua vera essenza, la cosa che l’ha portato ad essere quello che è, e non sto parlando di musica, ma di cose che lo circondano.

– La wave Latina che sta rendendo grande l’Italia con Fred De Palma e Rocco Hunt su tutti, avrà dei risvolti per tutto l’ambiente o sarà sempre una trovata commerciale estiva?

Nel giro di 3 anni cambia tutto.

– Quale potrebbe essere un tuo progetto secondario che vorresti portare avanti?

A breve io e il mio socio Guglielmo Panzera apriremo una divisione “sport” di Guna, stiamo facendo tutti i corsi del caso per avere i vari attestati.
Nel giro di un anno firmerò il mio primo calciatore.

– Indicaci 5 artisti emergenti su cui puntare nel 2021!

No, li scoprirete solo vivendo.

Grazie ragazzi a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *