GUE RE DEI PRIMATI, ARTISTA SENZA TEMPO!

Cosa salta alla mente leggendo il nome GUE PEQUENO?

Cosimo Fini è senza alcun dubbio uno degli artisti più conosciuti e completi del panorama italiano. Vera pietra miliare del rap, ha inciso numerosi dischi, meritevoli della fama acquisita. Gue Pequeno, il Guercio o Lucky Luciano, si è contraddistinto all’inizio degli anni duemila per carisma e flow, pungente ed elegante, conquistando ben presto le piazze d’ Italia nelle quali si esibiva. 

I suoi elevati standard qualitativi, con i Club Dogo prima e da solista poi, gli assicurano un notevole successo, mentre il suo camaleontico flow gli permetterà di non smarrire mai il consenso dei suoi sostenitori. Ispirato dall’ambiente milanese, all’apice del suo splendore in questo periodo, attraverso un ego smisurato, il Guercio inizia a plasmare la sua ingombrante personalità. Proprio quest’ultima, in tempi più recenti, risalterà nei dissidi con altri illustri personaggi della scena italiana, tra cui Ghali e Fedez.  Sempre schietto e diretto, anche dopo il successo di Santeria, muoverà critiche nei confronti delle radio, colpevoli di aver rallentato la diffusione dell’hip hop nei decenni precedenti. Questo pensiero, in realtà, è condiviso da tutti i pionieri della cultura hip hop italiana.

Durante la carriera da solista il suo stile autentico, rude e crudo, seppur tecnicamente impeccabile, inizia a mutare ed a maturare, mostrando un nuovo Gue Pequeno, maggiormente riflessivo ed empatico.

La sua nota scalata al successo, inaugurata dall’esplosivo esordio dell’album “il ragazzo d’oro”, consente all’artista di proiettarsi nell’olimpo dei “più grandi”. Nonostante l’appartenenza anagrafica ad un’epoca musicale ormai superata, riesce ad imporsi artisticamente, grazie ad una continua propensione alla sfida ed alla ricerca di novità. Anche l’estenuante desiderio di primeggiare, vero e proprio suo marchio di fabbrica, rappresenta una delle frecce nell’arco del noto personaggio, intento ad esigere sempre il massimo dalle proprie tracce. 

Infatti, ogni sua strofa risulta sempre curata ed i suoi testi, pur essendo innumerevoli, non scadranno mai nel banale, accendendo costantemente la passione del pubblico. Proprio il continuo utilizzo di un linguaggio curato, arricchito da metafore e tecnicismi, renderanno Gue Pequeno un evergreen dell’hip hop italiano. 

 

Cosa rappresenta e cosa continuerà a rappresentare Gue Pequeno?

La sua ambizione, la spasmodica ricerca del successo e della ricchezza, hanno contribuito ad alimentare la sua fame artistica. Insaziabile, rientra nella ristretta cerchia di rapper pronti nuovamente ad inventarsi per fronteggiare le novità della nuova scuola, riuscendoci brillantemente e attraendo nuovi fan, oltre al suo “zoccolo duro” di sostenitori. Proprio un numero così elevato di seguaci, di età differenti, conferma la longevità del suo successo, mai legato ad alcun compromesso musicale. Infatti, com’ è noto, nonostante la continua competizione con le hit estive del momento, la musica dell’ormai “ex pequeno”, divenuto Gentleman prima e Mr. Fini poi, sarà destinata a perpetuarsi nel corso degli anni. Sicuramente, aldilà di ogni gusto personale, questa è stata una delle motivazioni del suo successo. Non tutti gli artisti di vecchia data sono riusciti a reinventarsi ed a proseguire la carriera in periodi storici differenti. Egli, invece, dovrebbe essere paragonato ad un’ottima bottiglia di vino: più “invecchia” e più migliora. Impresa ardua, considerando il cospicuo successo e la moltitudine di premi vinti. La riprova tangibile è l’uscita del suo ultimo album “Mr. Fini”, particolarmente maturo e profondo. Taluni lo hanno, addirittura, ritenuto il capolavoro per eccellenza, compiuto in età matura e con una consapevolezza artistica differente. Attraverso quest’ultimo, Gue Pequeno è riuscito ad intrecciare le sue maggiori influenze musicali, rivisitando il suo stile ed il suo flow, per l’ennesima volta. Nuovamente sbalorditiva, dunque, è stata la sua tecnica di adattamento, confermando, ove mai ce ne fosse stato bisogno, la sua indiscussa leadership (la stessa che gli permette il sold out durante ogni live e continui record di vendita dei dischi, da circa un decennio). 

Gue, alla luce di questa analisi, diviene un artista senza tempo, uno dei maggiori hitmaker della storia del rap italiano, capace di coinvolgere appassionati di ogni età.

Articolo a cura di Andrea Adamo!

3 pensieri riguardo “GUE RE DEI PRIMATI, ARTISTA SENZA TEMPO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.