Kobe Bryant

Da venerdì 16 settembre sarà disponibile in tutti i digital store la colonna sonora di “Kobe – una storia italiana” per LANIMALE, nuovissima realtà editoriale che sta catalizzando già diversi autori, artisti e producer del panorama discografico e delle colonne sonore.

La soundtrack è composta da MATTEO CURALLO, compositore e autore ricercato, che recentemente ha curato le musiche di “Here We Are”, del regista israeliano Nir Bergman, in selezione ufficiale al Festival di Cannes 2020, ed è stato candidato nel 2018 ai David di Donatello e ai Nastri D’Argento come “Miglior Canzone Originale” per “The Place”, (title track dell’omonimo film di Paolo Genovese).  Nella colonna sonora ci sono anche due inediti prodotti sempre da Curallo in collaborazione con il rapper DANOMAY: Infallibile e Mamba.

Kobe – Una storia italiana è un documentario che racconta gli anni vissuti in Italia della leggenda del basket Kobe Bryant. Diretto da Jesus Garcés Lambert, scritto da Giovanni Filippetto e prodotto da Alessandro Lostia per Indigo Stories, Kobe – Una storia italiana sarà disponibile in esclusiva su Prime Video da giovedì 15 settembre 2022

«Kobe Bryant visse in Italia dal 1984 al 1991 e, per raccontare la sua storia nel nostro paese, è stato naturale attingere alle sonorità pop ed elettroniche di quegli anni, rendendole però contemporanee. – spiega MATTEO CURALLO – Le musiche accarezzano delicatamente i momenti più toccanti ed emotivi del film, ma sostengono anche con energia la tenacia ossessiva del giovanissimo Kobe quando gioca a basket e si allena con il padre. Inoltre alcuni brani blues e funky tratteggiano il carattere dei Bryant, una famiglia molto unita alla scoperta dell’Italia. Fanno parte della colonna sonora 2 canzoni scritte con il rapper Danomay: la sua voce e i suoi testi si intrecciano alla storia e alle immagini con grande naturalezza ed efficacia emotiva.»

Infallibile” e “Mamba sono prodotte dallo stesso Matteo Curallo e da Filippo Scandroglio, mixate da Andrea Alunno (The Shining Audio) e masterizzate da Eleven Mastering. L’interpretazione di DANOMAY, in entrambe le tracce, è frutto di una lunga ricerca che vuole rendere omaggio alla carriera e alla mentalità di uno degli atleti più carismatici e vincenti della storia«Mi sono riletto le sue parole, guardato le sue interviste e ho ripercorso la sua storia. Volevo che le canzoni non parlassero soltanto del basket ed ho provato ad usarlo come metafora per qualcosa di più ampio. E’ impossibile essere all’altezza di un fenomeno come Bryant ma per fare canestro devi comunque tentare il tiro

Kobe Bryant, uno dei più grandi giocatori di basket della storia, è cresciuto nei campetti di pallacanestro della provincia italiana tra pastasciutta, vita di paese e passione per il calcio. Kobe – Una storia italiana è una favola unica raccontata da chi gli ha vissuto accanto in quegli anni incredibili: la storia del giovane Black Mamba, l’adolescente che conquistò l’Italia del basket e che rimase stregato dal nostro Paese.

CREDITI
Musiche composte, prodotte ed eseguite da Matteo Curallo
Mix: Massimo Faggioni (Fonologie Monzesi)      
Editore: LANIMALE Edizioni Musicali 

“Infallibile”
Interpretata da DANOMAY
Testo: D. Zannetti
Musica: M.Curallo, D.Zannetti, F. Scandroglio
Mix: Andrea Alunno
Master: Eleven Mastering
Editore: LANIMALE Edizioni Musicali

“Mamba”
Interpretata da DANOMAY
Testo: D. Zannetti
Musica: M.Curallo, D.Zannetti, F. Scandroglio
Mix: Andrea Alunno
Master: Eleven Mastering
Editore: LANIMALE Edizioni Musicali

BIO MATTEO CURALLO
Matteo Curallo è compositore, autore di testi, produttore e sound designer per colonne sonore, canzoni e spot pubblicitari. Il suo lavoro è caratterizzato da una forte contaminazione tra elementi classici ed elettronica, pop, rock, con incursioni nella sperimentazioni d’arte contemporanea. Nel 2022 riceve il “Premio Carlo Savina” per l’eccellenza alla musica nell’ambito del Festival del Cinema di Spello. Nel 2020 ha composto le musiche di “Here We Are”, del regista israeliano Nir Bergman, in selezione ufficiale al Festival di Cannes 2020. Candidato nel 2018 ai David di Donatello e ai Nastri D’Argento come “Miglior Canzone Originale” per “The Place”, (title track dell’omonimo film di Paolo Genovese), brano di cui è produttore artistico e coautore, nello stesso anno riceve il “Premio speciale Musica per il Cinema” all’Asti Film Festival. Ha composto nel 2022 le musiche della commedia “Sotto il sole di Amalfi” per Netflix, e nel 2021 la colonna sonora di “Marta, il delitto della Sapienza”, documentario in uscita su Raidue e Netflix. Per Sky ha composto la colonna sonora di “Caravaggio, l’Anima e il Sangue” (2018), record italiano di incassi al cinema per un documentario d’arte e premiato con il “Globo D’Oro”. Per il piccolo schermo nel 2016 ha realizzato le musiche di “Donne”, serie di grande successo in onda su Raiuno, tratta dall’omonimo libro di Andrea Camilleri. Ha collaborato con Boosta dei Subsonica alla colonna sonora di “1992” (per Sky Atlantic), e ha scritto tra l’altro le musiche di “Pericolo Verticale” (per SkyUno). Ha scritto la colonna sonora della serie di animazione per bambini “Arctic Friends” (160 episodi), uscita nel 2020 in 106 paesi (Prime Video ed Apple TV). In qualità di Sound & Music Supervisor e di co-autore delle musiche ha lavorato allo spin-off “Puffins”, con Johnny Depp voce protagonista. Nel 2014 ha vinto il premio di “Miglior Colonna Sonora” al Roma Web Fest 2014per l’innovativa web series “Under The Series”, di Ivan Silvestrini. Come autore di canzoni ha collaborato con la Sugarmusic di Caterina Caselli. Ha firmato musiche e parole per vari interpreti prestigiosi: su tutti Andrea Bocelli, per cui ha scritto i testi italiani di “Nelle Tue Mani”, e “Return to Love”, duetto con Ellie Goulding e singolo estratto dall’album “Sì, forever”, candidato ai “Grammy Award 2020”. Per la pubblicità collabora con i maggiori brand internazionali quali, tra gli altri, Heineken, Ferrero, Italotreno, Natuzzi, Loacker e Coccodì, Bulgari. Polistrumentista, ha studiato pianoforte e musica da camera, si è laureato con lode in Composizione Elettronica al Conservatorio di Torino e dal 2012 insegna Sound Design all’Accademia di Brera di Milano. È nato ad Asti ed è avvocato non praticante.

BIO DANOMAY
Danomay, classe 1992, nato e cresciuto a Grosseto, trasferitosi per 5 anni a Roma, è ora stabile a Milano dal 2020. Nel 2012 pubblica il suo primo EP “Radioshine”, che richiama subito l’attenzione del collettivo Blue Nox e di Ghemon, tra gli artisti, insieme a Bassi Maestro, Snoowgoons, Esa, Dutch Nazari, Johnny Marsiglia, per cui si è guadagnato l’opportunità di collaborare aprendone anche i concertiDal 2018, si intensificano le uscite di successo: da “Nadal”, a “Cinema” (uscito per Esse Magazine), fino a “MSSC”, inclusa nella playlist di Spotify Graffiti Pop. Nel 2019 riceve la menzione speciale come autore alla settima edizione del Premio Internazionale CET Scuola Autori di Mogol. Nel 2020 esce “Una Formica” il suo primo singolo prodotto con Filippo Scandroglio (Chitarrista di Lucio Corsi) e distribuito da Artist First. Nel 2020 è tra gli 8 finalisti dell’edizione XIX del Premio Fabrizio De André mentre nel 2021 è tra i 12 finalisti della terza edizione del concorso L’Autore – Il Mestiere della Musica, organizzata e promossa da Edizioni Curci. Danomay sta attualmente collaborando come autore con diversi artisti e ultimando il suo primo album.