Jacopo Pesce

All’interno della scena musicale italiana sono presenti delle figure professionali che nel corso degli anni si stanno affermando riuscendo a trasformare e migliorare la discografia sia nell’aspetto manageriale che in quello di nuove sonorità e produzioni.Un esponente di queste nuove figure è sicuramente Jacopo Pesce, direttore di Island Record Italia, una delle tre etichette legate ad Universal Music, che a partire dal 2018 è riuscito a costruire un roster sempre più numeroso di artisti di spessore senza tralasciare i nuovi talenti.Un A&R capace di costruire un collegamento solido tra la musica e l’industria che ha lanciato nel mainstream molti artisti non soltanto con dei semplici singoli ma bensì riuscendo a creare delle vere e proprie carriere, come da Lui più volte ripetuto. Tra i tanti artisti presenti in questo solido roster troviamo Sfera Ebbasta, Blanco, Mahmood, Guè, Elodie, Marracash, Elisa, Rkomi, Ernia, Lazza e tanti altri ancora, tutti artisti che ad oggi hanno un ruolo sempre più importante all’interno del panorama italiano. Con il passare del tempo anche molti produttori si sono avvicinati ad Island Record per il metodo di lavoro e la scelta di essere rappresentati da una Label che curi i veri interessi, tra i quali The Night Skinny e Mace che hanno pubblicato due progetti più ascoltati di sempre.Un uomo che ha stravolto la discografia italiana, capace di portare in Island Records trofei prestigiosi come le vittorie di Sanremo, ma anche dei numeri di vendite e ascolti impressionanti.Il manager del momento sarà in futuro ancora a capo della Island Record?Da qualche mese trapela la notizia che assieme al socio Shablo e al manager dei Måneskin, Fabrizio Ferraguzzo, stiano intavolando uno di quegli accordi che riuscirebbe a scuotere il mercato musicale italiano. Secondo le ultime indiscrezioni risulterebbe, attraverso un post lanciato da proprio Shablo sul suo profilo Instagram, delle foto scattate in America dove i tre si mostrano insieme e sotto una scritta “No new friends in the Industry. Summit L.A.” Uno scatto ricondiviso che lascia presagire una collaborazione tra questi tre grandi esponenti del mercato discografico italiano che riuscirebbero a portare in un nuovo progetto tutte le loro qualità;una mossa che porterebbe la discografia italiana sul tetto del mondo attraverso competenze e fiuto.Le domande che si susseguono sono molte, quali artisti sarebbero pronti a seguire Jacopo approdando alla corte di questa nuova etichetta? Il legame tra la nuova creatura e Universal Music Italia ci sarà o i tre hanno in mente altro? Quali nuovi artisti emergeranno da questa nuova realtà che si appresta ad essere sempre più vicina e reale?

Articolo a cura di Antonio Borzacchiello e Niky Fabiano!