Madame
Come per lo scorso anno anche il 2021 ha dato la sensazione di essere trascorso in maniera piuttosto rapida, colpa dell’effetto della pandemia che è presente nelle nostre vite tutt’ora, ma quest’anno la scena della musica urban, al contrario del 2020, ha visto come protagoniste diverse artiste del panorama italiano. E mai come ora la categoria “Female of the Year” è ricca di nomi che segnano il presente dell’urban nostrano, artiste che sono destinate a risuonare nelle nostre casse anche per i prossimi anni, e dunque la scelta per voi cari lettori sarà più ardua. Per questo motivo è più che doverosa una presentazione di tutte le candidate. 
Si parte con Rose Villain, hitmaker che ha conquistato i grandi del rap italiano: da Gué a Mondo Marcio passando da Emis Killa, quest’anno ha fatto il salto verso il grande pubblico. Il suo 2021 è iniziato prima con un feat con Fibra e poi con il palco di Sanremo, stiamo parlando di Madame che ha pubblicato il suo primo album, omonimo, in primavera ed ha ricevuto gli apprezzamenti della critica. Quest’anno è uscito anche il primo progetto discografico di Beba, infatti ad ottobre è arrivato “Crisalide” che rappresenta una rinascita per la giovane artista torinese ed in cui si confronta non solo con con le barre crude a cui ci ha abituati ma anche a sound più pop. Nome presente nella scena da anni è quello di Roshelle, la cantante ha firmato con Universal lo scorso anno e da allora non ha smesso di lavorare sulla sua musica, quest’anno ha ottenuto numerosi complimenti per l’interlude del disco di Rkomi dove sfoggia tutta la sua caratura vocale. Da “Bando” alle svariate collaborazioni con Young Miles, Anna ha fatto un passo in avanti ed in questo 2021 è riuscita a dire la sua soprattutto piazzando una super hit in estate, “Drippin’ in Milano”, che ha conquistato chi ancora era dubbioso su di lei.
 La regina dei club milanesi M¥SS KETA non ha rilasciato molto, ultimamente ma con il suo essere stravagante continua a prendersi una fetta importante dell’urban music. Diversamente è stato per la sua compagna di gioco in “Celebrity Hunted”, Elodie, che tra la conduzione di una serata del Festival di Sanremo, il nuovo singolo e la presenza nel disco di Marracash ha dimostrato di essere una vera protagonista del panorama italiano, inoltre l’artista sta lavorando al suo nuovo progetto discografico che dovrebbe vedere la luce nell’anno entrante. Non è stata un’annata proficua musicalmente per Chadia Rodriguez che è alle prese con una vicenda giudiziaria riguardante l’uso dello spray a peperoncino durante delle rapine, la sua musica è stata messa da parte ma sicuramente riuscirà a tornare ad essere protagonista nella vita della trapper. La giovane Priestess è fresca di un featuring con La Nina in esclusiva per Amazon Music e si sta preparando all’uscita del nuovo progetto, quest’anno doveva essere una delle protagoniste del Rolling Loud, festival internazionale organizzato a Lisbona, ma l’edizione è stata rimandata al prossimo anno. Fishball ha pubblicato di recente il suo nuovo singolo che dà l’avvio ad un nuovo percorso discografico. 
Altra candidata è la giovane protetta di casa Machete, Doll Kill ha un talento indiscutibile e dopo aver collaborato con Nitro, Stage, ecc… sta carburando per colpire la scena. Un nome da segnare è anche quello di Luna che dopo aver pubblicato il suo primo disco lo scorso anno in cui ha collaborato con Enzo Dong e Chadia Rodriguez è pronta a conquistare il palcoscenico della scena urban italiana. È sicuramente già consolidato invece il nome di Mara Sattei che nel 2021, dopo aver fatto uscire “Scusa” prodotta da suo fratello tha Supreme, si è presa un Disco di Platino con “Tuttecose”, brano estivo in featuring con il top player dell’indie Gazzelle. Ha conquistato le classifiche estive anche la Twerking Queen, Elettra Lamborghini, con “Pistolero”, il cui ritornello è rimasto nelle nostre teste per almeno tre mesi, basterà per incoronarla artista femminile dell’anno? Artista outsider della categoria ma con tanto stile è Eva Rea, la giovane catanese ha fatto uscire diversi singoli e si mantiene attiva anche per quanto riguarda le tematiche sociali, come il femminicidio, tramite video e post dedicati agli argomenti, oltre che continua ad essere una freestyler da paura. La multietnicità è la caratteristica di Joan Thiele, artista polivalente che sa mescolare la sua voce con più generi, quest’anno ha fatto uscire tre EP oltre che numerose collaborazioni e ha prestato la sua voce in due brani di “Noi, Loro, Gli altri” di Marracash, quest’ultimo elemento basta per far capire la sua bravura. Chiudiamo la presentazione della categoria “Female of the Year” con l’unica producer presente nella lista: Rossella Essence. Nota principalmente per essere stata il braccio destro di Beba si è dedicata a collaborare con nuovi artisti e tramite il suo canale Twitch promuove giovani producer che hanno la sua stessa passione, quindi big up per lei.
 
Articolo a cura di Gabriele Dimarco!