Canntona

Fiat/Horror” è il nuovo video di Canntona, disponibile sul suo canale ufficiale Youtube, mentre i due singoli sono disponibili in streaming su Spotify e su tutti i digital store.

A qualche mese di distanza da “Horror”, il rapper classe ’95 Canntona torna con “Fiat”, il suo nuovo singolo ufficiale, che segue a stretto giro “Piccolo Diego”, l’omaggio a Diego Armando Maradona realizzato in collaborazione con Escape Vision.

Se “Horror” era un singolo psichedelico, frenetico e incalzante, dalle atmosfere cupe e inquietanti, “Fiat” si rivela quasi l’opposto speculare, e l’unione dei due brani in un unico videoclip crea un contrasto che disorienta, ma affascina. “Fiat” è infatti un racconto intimo, che trova le sue radici nell’adolescenza di Canntona, nei 16 anni e nella loro spensieratezza e curiosità. “Horror” e “Fiat” sono nate nello stesso weekend, nelle stesse sessioni, dal lavoro dei producer Rio PSDLLGima e Adler, che hanno colto le due sfumature opposte della musica di Canntona, che con quest’accoppiata dimostra di non avere limiti stilistici.

Foto e artwork di “Fiat/Horror” sono a cura di Eugenio Fuoglio (Numeriprivi), mentre la copertina è stata realizzata da Arianna Puccio, Eugenio Fuoglio e Edoardo Conforti.

Fiat è il brano più intimo che io abbia scritto, senza mezzi termini.  Un’immagine su tutte: il mio migliore amico che, a 16 anni, mi chiede se, secondo me, dalla cima del grattacielo di fronte casa sua il quartiere apparisse diverso. Da quella domanda sospesa, una cascata di ricordi” – Canntona

 

 

LINK YOUTUBE & DIGITAL STORE:

Youtube: https://bit.ly/3atnhou 

Ascolta “Fiat” su Spotify: http://spoti.fi/3t0JC4X

Ascolta “Horror” su Spotify: http://spoti.fi/2KMT0YG

 

BIOGRAFIA CANNTONA:

Canntona, nato a Torino nel 1995 ma cresciuto musicalmente a Bologna, racconta le storie che vorremmo urlare persi in una strada isolata di periferia. Mescola ad una trap intima e ricca di contenuti influenze derivanti da altri generi (in particolare R’n’B, Afro e Punk). Esordisce nella scena torinese facendosi spazio tra cypher e contest cittadini, ma è solo dopo essersi trasferito a Bologna che intraprende a pieno il percorso musicale.  Dopo aver pubblicato, negli anni precedenti, una serie di singoli, nel 2019 rilascia “Colonie”, un EP di 7 tracce in cui emergono la sua forte vena narrativa e una scrittura incisiva ed introspettiva. Lavora a stretto contatto col suo collettivo artistico ALBTZ di cui fanno parte producer, grafici e videomakers e dal 2019 fa parte del roster di Kumomi, etichetta indipendente milanese, con cui nell’estate 2020 pubblica “DEMOTAPE [intermezzo]”.