Le dichiarazioni del Coach Fabio Corbani della Virtus Roma: «La cosa positiva della serata è il Palazzetto con tanta gente, una bella cornice di pubblico: poter giocare una partita di questo livello davanti a tutta questa gente è un bell’evento; la gara è stata poi anche avvincente quindi penso i bambini e i ragazzi si siano divertiti. Per noi non è stato tanto divertente, visto anche che è la seconda volta in fila che perdiamo all’ultimo tiro, ma questo non cambia la mia analisi che deve essere indipendente da un ultimo tiro segnato o meno. Nel nostro processo di crescita, come detto anche alla squadra, dobbiamo accelerare perché c’è tanto equilibrio in questo campionato, si può vincere con chiunque ma anche perdere. Oggi era particolarmente complessa, perché abbiamo fatto fatica a stare in campo con i nostri quintetti abituali più alti, la loro esperienza ha fatto sì che ci caricassimo subito di falli con i lunghi. Abbiamo abbassato il quintetto giocando un basket per noi un po’ atipico, abbiamo bisogno di essere più lunghi nelle rotazioni in queste partite complessi, soprattutto con avversari così esperti, e per questo ripeto dobbiamo crescere in fretta. Dobbiamo intanto diventare più cinici, andando a castigare dove ci sono eventuali vantaggi da sfruttare; in più quando siamo intorno ai 50 punti e c’è bisogno di una spallata per aprire un parziale che sia decisivo, non abbiamo mai abbastanza fluidità per forse la fretta di volerla chiudere e iniziamo ad attaccare in modo disordinato».

Unicusano Virtus Roma – Eurobasket Roma Gas & Power 79-80 (18-22; 38-40; 59-56)

Unicusano Virtus Roma: Brown 12, Raffa 15, Benetti, Piccolo, Lentini ne, Maresca 12, Chessa 25, Sandri 13, Baldasso, Landi 2, Vedovato.

Eurobasket Roma Gas & Power: Belloni ne, Deloach 15, Petrucci, Malaventura 3, Fanti 12, Santini ne, Stanic 4, Righetti 12, Easley 17, Vangelov 2, Bonessio 15, Cicchetti ne.