lillo brass

– Diamo il bentornato tra gli amici di Exclusive Magazine a Lillo Brass, come stai?
Sono al top della forma , non vedo l’ora di portare la mia wave in tutta Italia .


– Ti abbiamo intervistato un pò di tempo fa, cosa è cambiato da qualche settimana?
 È cambiato l’approccio al lavoro , siamo molto più concentrati abbiamo gli obiettivi segnati e stiamo lavorando per ottenerli tutti passo dopo passo.


– La tua cultura musicale da dove nasce e soprattutto come ti sei approcciato alla musica?

Non ascolto molta musica in generale , dunque non subisco influenze , mi lascio ispirare per lo più dal cosmo, dalle realtà concrete e soprattutto quelle astratte legate spesso alle emozioni ed ai mood.

Mi sono avvicinato alla musica perché è una forma d’arte che più delle altre mi permette di disegnare ciò che ho in testa.
 
– Il vecchio rap e la nuova trap sono praticamente due mondi differenti, passando dai Sangue Misto a Paky e Shiva, che wave preferisci e perchè?

A me piace la musica fatta bene , ogni generazione ha le sue peculiarità e i suoi lati negativi.  È molto relativo per me potrei ascoltare di tutto affinché mi piaccia.


– Sei un rapper di nuova generazione, se dovessi scegliere 3 featuring dalla scena hip-hop Italiana anni ’90, chi sceglieresti?

Fabri Fibra, Mondo Marcio, Inoki.

– E’ cambiato il modo di approcciarsi alla musica, siamo passati dai dischi fisici ai digital stores, cosa è cambiato fondamentalmente?

Il mercato di oggi è diverso. I digital stores permettono di accompagnare ogni singolo momento della giornata con la propria traccia preferita . Oggi la gente ascolta musica per lo più mentre compie attività di ogni genere . Tutto ciò non era possibile nell’era dei dischi fisici . Secondo me questa è la più grande differenza .

– Ringraziamo Lillo Brass e ti diamo un grande in bocca a lupo per i tuoi prossimi progetti da parte di tutta la redazione!