Lil Busso

IL MONDO, LA FRESCHEZZA E LA POSITIVITÁ DI LIL BUSSO


Lil Busso è rapper bolognese classe ’99 che ha sonorità positive per la testa. Attraverso la sua musica
possiamo staccarci per un po’ dalla frenesia della vita e viverla con più leggerezza. Possiamo materializzare il
concetto di mood positivo nella sua persona. È un ragazzo simpatico e divertente che ogni giorno se ne
inventa una, con dei fan sempre pronti a seguire ogni sua nuova invenzione o trend. Il suo percorso artistico
prende una svolta durante l’anno trascorso a Los Angeles. In precedenza egli si dichiara non troppo
interessato alla musica, un consumatore passivo guidato dalla top 50 di Spotify. Con l’esperienza negli USA
cambia radicalmente approccio scoprendo la trap americana e artisti come Lil Uzi Vert e i Migos. Una volta
tornato in italia va in studio da Mr. Monkey; quest’ incontro risulterà poi importantissimo.


Dopo la pubblicazione di vari singoli che gli permettono di costruirsi una solida fanbase arriva l’EP
Ipermetromondo, pubblicato nel febbraio del 2020. Il concetto che sta dietro Ipermetromondo è duplice:
consiste nello staccarsi dalla realtà e del non vederla bene a fuoco. Dopo l’EP pubblica due singoli. Il primo è
Sconosciuta, pubblicato a giugno 2020 e presente anche nell’album di Nicola Siciliano; poi, a febbraio 2021,
arriva COSA È GIUSTO.


Abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con il giovane bolognese, ecco cosa ci ha
raccontato!
Sei da poco uscito con COSA È GIUSTO, il tuo ultimo singolo. Che tipo riscontro hai avuto dai tuoi fan?
Stranamente molto positivo, la gente sta capendo sempre più quali sono le mie intenzioni musicali. Amo fare musica senza etichette, è uno dei primi pezzi dove introduco alla gente chi sono davvero e la mia visione di raccontare le cose, e sono felicissimo che lo stiano apprezzando sempre più persone.

Adesso vedi la tua strada un po’ meno sfocata rispetto a quando è uscito Ipermetromondo?
Assolutamente sì, dopo Ipermetromondo ho avuto modo di poter uscire allo scoperto, mi sono subito trovato in un primo momento di grande crisi perché non sapevo che cosa avrei dovuto fare dopo, ma appena ho sfogato questi sentimenti facendo canzoni nuove è lì che ho capito di cosa dovevo parlare, quali temi trattare, far passare a tutti chi sono veramente e la mia vera visione delle cose, senza aver paura di scriverlo o di dirlo.


Se non avessi avuto la possibilità di vivere quell’anno negli USA il tuo percorso musicale sarebbe mai nato?
Probabilmente se non fossi andato in America la mia vita ora sarebbe diversa, lì ho davvero potuto aprire gli occhi per la prima volta su cosa volessi fare davvero nella vita, e io se non avessi fatto un qualcosa di artistico sarei finito con l’impazzire!
In una precedente intervista hai affermato che la musica per te è una cosa da “presa bene”, per rilassarsi e staccare, quindi adesso riduciamo l’indice della serietà. Preferisci trovare una Trap Girl (ndr. Lil Busso – Trap Girl) o che il tuo plug resti fiero di te (ndr. Lil Busso – Il mio plug è fiero di me)? Sotto i commenti dei video su Yotube questi due richiami sono spesso menzionati dai tuoi fan.
Viste le prossime cose che usciranno penso sicuramente più alla ricerca di una Trap Girl. L’amore quanto entra nella tua vita la cambia radicalmente, non dimentichiamo che però il mio plug è sempre più fiero di me!


Sei un lanciatore di tendenze. Dai jeans al contrario alla collana di plastica. Hai già in serbo qualche altra chicca?
Diciamo che vi svelo una cosa, dietro queste idee geniali non ci sono solo io ma anche il mio socio e collaboratore PATEK, senza di lui nè Lil Busso nè Nicola saprebbero cosa fare. Il prossimo trend è già pronto… intanto godetevi le collane e i jeans al contrario. 🙂

Come la vedi Bologna adesso rispetto a qualche anno fa? È avvenuta una maggior apertura mentale in ambito musicale?
Bologna secondo me negli ultimi anni si sta piano piano sbloccando e sta sempre più tornando quella di una volta, alla fine la Milano di ora era a Bologna, e le prime smosse le ha ridate Dref e poi da lì per me e Pietro (ndr. Tredici Pietro) è stato più facile avere l’appoggio della città anche se proponevamo un genere nuovo. BOLO IS BACK!


Quale sarà il tuo prossimo passo?
Finalmente il momento di fare il passo più importante… A prestissimo ragazzi, grazie infinite!


di Alessandro Pirrone
Futura 1993 è il primo network creativo gestito da una redazione indipendente. Cerca i
nostri contenuti sui magazine partner e seguici su Instagram e Facebook!