Mhd

Il padre dell’AfroTrap Mhd riuscirà a scappare via dai suoi guai giudiziari? Dopo il successo, evidenziato dalla salita nelle classifiche Spotify France con singoli da milioni di views, l’artista di origini guineane viene trattenuto ancora in carcere da 12 mesi, in attesa di una condanna all’ultimo grado di processo. L’autore di Afrotrap 7, brano in grado di risultare una hit internazionale, un successo dalla Francia agli Stati Uniti, era diventato celebre grazie anche alla visibilità che gli aveva dato Booba, protagonisti insieme di un tour, ma soprattutto per i featuring con WizKid Aya Nakamura (Pookie con Capo Plaza). Nel frattempo, un’accusa per omicidio colposo lo trattiene da 12 mesi in carcere per fermo preventivo prima dell’ultimo grado di processo. Il suo ultimo progetto “19”, uscito lo scorso anno, è stato un successo straordinario. Non serve molto per capire l’immenso talento musicale del ragazzo, anche guardando quali artisti hanno scelto di produrre il suo disco: Stromae e Diplo. Il disco è un continuo rimando all’utilizzo di strumenti musicali di origine africana, un suono gioioso e antico, che abbinato alle frequenze 808 della trap e ad un flow in continua evoluzione, ha portato Mhd ad elevarsi e differenziarsi nella scena musicale francese. In copertina si staglia contro una savana, evidenziata dalla luce dell’inizio o della fine del giorno. In mano ha una corona, di fronte un leone, addosso una maglia da calcio: tre simboli della sua fulminea ascesa alla fama, sei mesi di video che hanno generato centinaia di milioni di views. “Encore”, il pezzo che apre l’album, è un manifesto di quello che andrà a succedere per l’ora successiva: chitarre squillanti, testi sull’importanza della famiglia e del gruppo, proclami pieni di gioia ed orgoglio, un’idea musicale che ripudia i confini. Dall’altro lato, MHD il 17 gennaio 2019 viene accusato di omicidio. Il corpo è di un giovane ragazzo di nome Loïc, morto in una rissa tra due gang il 6 luglio 2018. MHD viene incriminato e portato in carcere il 17 gennaio 2019 come misura preventiva. Il suo rilascio doveva avvenire nel corso dei primi giorni di marzo 2020 ma il tribunale ha deciso di prolungare la sua detenzione preventiva di altri 6 mesi.  Nel frattempo, MHD rischia una condanna a 30 anni di prigione per omicidio volontario. I suoi avvocati dichiarano che tenteranno in tutti i modi di farlo rilasciare dal carcere affidandolo così agli arresti domiciliari. Un colpo duro anche per la sua musica e per ciò che sarebbe dovuto uscire nei successivi mesi. Proprio in questi giorni Booba ha accennato, durante una diretta Instagram, alle condizioni del collega, rivelando di avere una traccia assieme registrata prima della misura detentiva applicata a Mhd. Un singolo che nei prossimi giorni Booba è intenzionato a far uscire, riportando l’Africa di Mhd nella musica francese, una voce per ora chiusa tra le quattro mura. Un timbro che solo fino a poco tempo fa gli aveva permesso di prendere parte, tra i vari, anche al Montreux Jazz Festival, dove in passato si sono esibiti artisti come Santana, Jose Gonzalez, Patti Smith, PJ Harvey, Sigur Ros and more. Insomma, non male per un ragazzo che ha solo 24 anni e un futuro tutto da scrivere. I guai giudiziari per l’ennesima volta fermeranno un grande talento musicale? Lo scopriremo nei prossimi mesi.

Articolo a cura di Vincenzo Nasto!