soze

– Diamo il benvenuto a Soze tra gli amici di Exclusive Magazine, come stai? E che momento artistico è per te?

Ciao a tutti e grazie mille per lo spazio. in questo periodo dal punto di vista artistico mi sento in forma smagliante, scrivo tanto da sempre ma ora ho dato una forte accelerata non avendo altre distrazioni. sento di aver preso maggiore consapevolezza dei miei mezzi ed insieme al mio produttore Evan Parker siamo alla continua ricerca di nuovi sound da sperimentare, ci piace provare ad essere sempre con l’orecchio più avanti senza standardizzarlo a quelle che sono le tendenze 

– Arrivi da Bologna, che da sempre ha sfornato grandi talenti nel mondo dell’hip-hop, senti questo peso o la tua strada è differente dalle altre?

Credo sia dovere di chiunque si approccia a questo genere sentirsi il peso dell hiphop, forse così facendo tante canzonette non uscirebbero ahahah . Io sono pro all’evoluzione ma non alle stronzate, mi piacerebbe si facessero tutti un esame di coscienza prima di mettersi a scrivere certe cose 

–  Nonostante le tue molteplici esperienze, sei comunque giovane, basti pensare che stiamo parlando di un classe “96, cosa prevedi nel tuo futuro?

“Ho chiuso gli occhi, ho visto il futuro” mi autocito (“Futuro” ft Ty Max prod St. Luca Spenish – 2018 ). 

il mio futuro ce l’ho nelle pupille da quando ho 13 anni ma non ve lo svelerò ahahah sarebbe come spoilerarvi il finale di una serie. Lavorando su diversi fronti sono tante le cose che potrebbero succedere, chissà , non precludo nessuna strada. 

– Il sogno nel cassetto di Soze è…  

Ho smesso di avere sogni, preferisco gli obbiettivi e come il futuro resteranno un mistero!

– Hai a disposizione 3 featuring per un tuo disco e puoi scegliere solo rapper di Bologna, chi nomineresti?

Sicuramente la mia squadra , Ty Max e Ammirata e poi boh ci sono dei ragazzi forti in giro ma se si tratta del mio disco voglio dentro gente che conosco e rispetto prima di tutto

– Come stai vivendo questa quarantena? Stai continuando a lavorare? 

Si ho scritto e registrato alcuni pezzi ancora in mood provino, Evan in smartworking è stato super efficace e produttivo. Diciamo che per certi versi tutte queste restrizioni hanno aiutato l’arte ad elevarsi sul business.

– Ti ringraziamo per la disponibilità e ti diamo un grande in bocca a lupo da parte di tutta la redazione di Exclusive Magazine per i tuoi prossimi progetti!