I desideri

– Diamo il benvenuto ai Desideri, Giuliano e Salvatore, che insieme si stanno regalando tante soddisfazioni all’interno del mondo urban, benvenuti tra gli amici di Exclusive Magazine, come state? Ma soprattutto che momento è per voi?

Un saluto agli amici di Exclusive Magazine. Noi stiamo bene proprio perché è un momento di evoluzione; un’evoluzione già iniziata diversi mesi fa ma che si compie per step e che ci auguriamo ci porti a tagliare sempre nuovi traguardi da condividere con chi ci segue ed ovviamente segue la nostra musica. 

– E’ appena uscito il vostro nuovo singolo intitolato “Al buio”, lo abbiamo ascoltato ripetutamente e abbiamo notate una sorta di cambiamento stilistico, abbiamo subito notato che il pubblico ha avuto davvero un riscontro positivo, quali sono le vostre impressioni, ma soprattutto siete soddisfatti dei risultati ottenuti fino ad ora con “Al buio”?

E’ un brano romanticissimo, più di quanto si possa percepire al primo ascolto. Avete giustamente notato un cambiamento di stile che però è iniziato già con i precedenti brani (soprattutto a livello musicale) senza però abbandonare la lingua napoletana che rappresenta un punto fermo, quasi una sorta di porta fortuna. Il pubblico sembra apprezzare, forse perché si riconosce sia nel linguaggio che nelle nuove sonorità. Il nostro intento è quello di restare al passo con i tempi e siamo soddisfatti di trovare consensi per questa nostra scelta. Lo dimostrano anche i numeri che ci rendono orgogliosi del lavoro fatto.

– Siete figli d’arte del grande Nico Desideri, argomento che andremo a toccare successivamente, cresciuti in una famiglia che viveva di musica e dischi, come avete vissuto il cambiamento radicale dei Digital Stores, e cosa ne pensate di questa “evoluzione”?

Pensiamo che l’evoluzione faccia parte della vita; non solo in ambito musicale tutte le generazioni hanno assistito a cambiamenti anche se forse, oggi, sono un po’ repentini. Noi, come già detto, cerchiamo di stare al passo con i tempi e benvengano i Digital Stores, purché si acquisti e si ascolti musica sempre legalmente. 

– Avete avuto modo anche i calcare palchi importanti come quello dei Wind Summer Festival nel 2017, come vivete il pre-live e c’è ancora l’emozione delle prime volte?

C’è sempre tanta emozione. Calcare un palco, qualunque esso sia, significa andare al cospetto di chi ci segue, di chi ci ascolta, di chi acquista la nostra musica e magari fa tanti sacrifici per poterci essere. E’ una grossa responsabilità per noi essere all’altezza della situazione ma, diamo sempre il massimo. Questo è certo! 

– Sappiamo che “Al buio” è solo l’inizio, cosa ci dobbiamo aspettare ora dai Desideri?

I Desideri hanno tanti sogni nel cassetto e tanti progetti, ancora top secret, ma davvero siamo solo all’inizio. Amiamo fare un passo alla volta, siamo giovani e non abbiamo fretta. Vogliamo essere certi che tutto sia organizzato a dovere senza dover avere rimpianti. 

– Riprendendo il discorso dei figli d’arte, una domanda molto introspettiva che spesso il pubblico si fa, quanto è difficile essere figli d’arte? Soprattutto in una piazza come Napoli che è stata sempre attaccata alle proprie origini?

E’ difficile se ti concentri su questa definizione, altrimenti non ti pesa. Noi abbiamo iniziato come coristi di nostro padre, abbiamo calcato con lui i più prestigiosi palchi e ci siamo sempre divertiti tantissimo. Sappiamo però di avere una “nostra” musica, un nostro stile e delle nostre idee; per questo abbiamo deciso di iniziare un percorso da soli e, nel bene e nel male, vogliamo essere giudicati per ciò che sapremo offrire e non per un’etichetta. 

– Progetti futuri?

È un arrivò il primo docufilm de i Desideri in prima serata su Real time e il disco. 

– Sui social abbiamo notato nei commenti tantissime approvazioni da parte anche di artisti con numeri spaventosi come Ivan Granatino, lo stesso Peppe Soks con cui avete realizzato “Na tipa nova”, ma qual è l’artista che i Desideri sognano di inserire un loro brano?

Non abbiamo un artista in particolare, ci piace condividere una nostra idea in musica con chiunque abbia voglia di farla sua magari migliorandola.  

– Il sogno dei Desideri è…

Il più grande sogno è quello di non smettere mai di sognare… solo così saremo sempre carichi e positivi. 

– Grazie ragazzi, grazie per la disponibilità, è stato un piacere avervi come ospiti, ci rivedremo presto su Exclusive Magazine, un abbraccio.

Grazie a voi per la disponibilità e a presto 🙂