CHICORIA: “LA MIA VITA, LA MIA CARRIERA, LA MIA MUSICA…”

Chicoria, il tuo nome è impresso nella mente di molti amanti dell’hip hop. Sei un punto di riferimento sopratutto per coloro che lo amano nella sua forma più spontanea e priva di filtri.
Vogliamo quindi riportarti alle tue origini con la prima domanda: Quando è entrato l’hip hop nella tua vita e con quale spirito hai iniziato a rappare?
L’hip hop è entrato nella mia vita nel 1992 circa, è questo l’anno in cui ho inziato ad ascoltare cassette di musica rap, provenienti dall’unico luogo in cui approviggionarsi di musica in quel periodo: l’edicola.
Probabilmente per prima cosa ascoltai una compilation di rap di TV sorrisi e canzoni.
Ho iniziato ascoltando prettamente rap americano, avrò sentito per prima cosa gli Sugarhill gang.
In questo stesso periodo iniziai ad andare in skate e questo mi permise di conoscere realtà varie come il punk e di venire a contatto con tutti i movimenti giovanili del periodo, formati anche da alcune persone che conosceva l’hip hop da prima di me.
Attraverso i video di skate ho conosciuto ancora più artisti rap americani come moob deep, Nas e  wu tang poiché proprio loro uscivano nel corso del ’93 e mi appassionai per lo stesso motivo ai graffiti, iniziando a dipingere.
Ecco qual è la prima disciplina con cui ho avuto a che fare nell’ hip hop: il writing.
Nel corso dell’anno successivo ho conosciuto la prima generazione di writers che già dipingevano Roma e divennero un po’ i miei mentori;
La prima cassetta di rap americano più underground, contenente per esempio i Cypress hill, I wu tang e Jeru the Damaja, mi fu addirittura regalata da Cina dei tvr, l’attuale rapper Amir.
Per quanto riguarda il rappare bisogna andare avanti a circa 12 anni dopo.
Con che spirito ho iniziato a farlo?
Non so, non me ne fregava nulla, scrivevo quello che mi capitava e mi piaceva farlo.
Furono Noyz e Cole che lessero il mio libro delle rime, che in verità era un prezzario di una ditta di bibite su cui avevo iniziato a scrivere,
(lavoravo come distributore di questi prezzari per tutti i locali di Roma)
ad esortararmi a registrare dei pezzi perché apprezzavano quello che scrivevo.

Sappiamo che il tuo nome ti venne dato per la tua tendenza a fumare molta erba.
In questo periodo la polizia sta organizzando molte retate nelle scuole superiori italiane, tanto da scatenare le lamentele di alcuni studenti.
Cosa ne pensi di questo argomento?
Le retate nelle scuole non sono una novità, infatti un anno e mezzo fa il generale dei carabinieri Tullio del sette ha affermato che l’insieme di tutti gli istituti scolastici in Italia formano la piazza di spaccio più grossa d’Italia. Ciò è vero chiaramente, se i giovani sono la parte della società che consuma più stupefacenti è ovvio che nelle scuole ci sia qualcuno che li vende, ma è l’insieme di tutte queste scuole a formare la più grande piazza di spaccio, andare nelle singole scuole è come andare dal piccolissimo fruttivendolo rionale e chiedere 5 tonnellate di mele. Non avrà mai quella quantità di mele, per cercare 5 tonnellate di mele bisogna andare al magazzino della frutta, al mercato generale, per trovare la persona che ha il contatto più grosso per la vendita di frutta, in questo modo si trova colui che fornisce tutto il mercato.
Così dovrebbero funzionare le indagini di polizia giudiziaria se si vuole fermare il narco traffico.
È inutile andare nelle scuole dove  ogni volta che fanno una retata viene fuori che hanno sequestrato una quantità di stupefacenti irrisoria e prettamente marijuana, poiché gli studenti fumano quella, non vanno a scuola con l’eroina o con la cocaina.
Inoltre, se la marijuana costa uno, la cocaina costa dieci. Per cui  beccando gli spacciatori di cocaina si becca sicuramente qualcuno che fa più rendita economica rispetto a quelli che vendono l’erba.
Si sta dando la caccia ai poracci e agli ultimi andando a cercare droga nelle scuole, ce la stiamo prendendo con le ultime ruote del carro.

La tua musica ha trattato temi difficili e spesso violenti, insieme agli altri membri del truceklan. 
Con quale scopo l’arte decide di descrivere il male?
Se ci pensiamo prima del rap c’era la poesia, cronologicamente parlando.
Attualmente si accende il computer e si ascolta la musica, andando indietro di cinquant’anni lo facevano con la radio, ancora prima leggevano un libro – di poesie magari- e il libri più letti del mondo, che sono arrivati fino a noi, penso per esempio all’Iliade e all’odissea, parlano di amore e di guerra, amore e pugnare. Questi due sentimenti sono quelli che muovono e interessano l’uomo e sono quelli maggiormente trattati dai poeti e da noi rapper o trapper oggi.

Sei da molto tempo nella scena, con la tua musica caratterizzata dal raccontarsi nel bene e nel male, raccontarsi non onestà senza nascondersi dietro finti buoni sentimenti.
Nonostante qualcuno forse potrebbe pensare il contrario però, ti sei dimostrato l’opposto di un purista e hai mostrato apertura mentale e  fiducia nelle nuove  tendenze rap.
Cosa ne pensi di chi critica la scena rap odierna accusandola di aver ucciso l’hip hop? 
Questa cosa che la nuova scuola ha ucciso il rap è una stronzata.
Inanzitutto, la musica è bella perché è varia percui quello che a qualcuno può dar fastidio a qualcun altro magari piace.
La nuova scuola non ha ucciso assolutamente l’hip hop.
I miei rapper italiani preferiti di adesso sono giovani, spaccano il culo a fare rap, portano un sacco di contenuti e sono super credibili.
Per me i migliori rapper di adesso sono: Speranza, Massimo pericolo e Rafilù.

Nel 2016 hai fatto  uscire “Lettere” un album fortemente introspettivo. 
“Giuro che smetto”, secondo pezzo del disco, comunica molto, sembra nascere da qualcosa di profondamente personale e reale.
È così? Raccontaci qualcosa sulla nascita di questo pezzo. 

Quel pezzo è un viaggio per i miei vent’anni di lavoro in mezzo alla strada, se vogliamo dire così.
Sì, è un pezzo molto personale, mi risulta difficile parlare di qualcosa che implichi giudicare me stesso perché è appunto un viaggio che è stato la mia vita e che è terminato.
Il ritornello sembra allegro ma se si analizzano le parole si vede quanto in realtà siano tristi. Il pezzo esprime la consapevolezza di quello che si sta facendo e dopo un po’ questo stile di vita non è divertente, come qualcuno lo dipinge, anzi, è deleterio, poiché se tutto è basato sui soldi non può esistere affetto e neanche vera amicizia.
Inoltre non te ne rendi conto ma tu sei confinato, perché se quella è la tua attività, è quello che fai 24 ore su 24, tu fai solo quello, non c’è via d’uscita, finché qualcuno arriva e ti  presenta il conto e mi sembra che in questi ultimi anni sia sempre più prima che ti presentano il conto.

“Sprofondo nel nulla, non c’è via d’uscita alcuna” canti in “Nel nulla” terza traccia di “Lettere”. 
È più difficile uscire dal nulla o non rientrarci? 
È più difficile non rientrarci. Perché la vita è fatta di scelte e quando uno si accorge che sbaglia fa sempre in tempo a tornare sui propri passi ma ciò implica che non debba girarsi indietro e continuare dritto. È dura mantenere sempre la stessa rotta.
Anche in comunità dicono che quando si conosce la droga, nonostante la si mandi fuori dalla propria vita, rimanga sempre nel cervello, come se si venisse battezzati, e ci si può ricadere.
I soldi poi sono la stessa cosa, sono una droga, chi è abituato ad averne sempre di più ne vuole sempre di più. Quando si cambia questo tipo di vita bisogna abituarsi a vivere in una certa maniera. Io per esempio sono 10 anni che non mi drogo ma per tre anni mi sono fumato 500 euro di cocaina al giorno e apparte la droga, se sei tossico e abituato a fare uso di quella grande quantità di stupefacente devi avere tutti i giorni questi soldi. Chiaramente con questo stile di vita non si dura molto, ci tengo a dirlo. Io sono stato arrestato dai carabinieri ma non sarei durato al lungo, la mia vita era proprio finita.

È appena uscita “Politica & stronzate (non mi buttate giù)” insieme a Devote, in cui sembra chiara la tua posizione riguardo la politica italiana. Perché hai deciso di scrivere e pubblicare questo pezzo e come è nato?
Perché sono stanco di persone che hanno perso l’umanità. È inutile prendersela con le minoranze. Pensando ai fatti di Torre Maura per esempio, è assurdo che un quindicenne debba portare alla realtà delle cose delle persone adulte e che dovrebbero essere mature.
(Un saluto a Simoncino che è un mio fan e ci siamo anche sentiti.)
Sono stanco che la politica spinga ad odiare, a prendere dei capri espiatori senza mai assumersi le proprie responsabilità.
Non è possibile che i politici continuino a dire cazzate e rimangano sempre lì, e la colpa di chi è? Dei zingari, dei negri, di quello è di quell’altro. Ma  vi rendere conto che le cazzate che fanno i politici fanno molto più male di 60 persone in più in un quartiere popoloso all’inverosimile?
L’atto di calpestare il cibo che và agli ultimi è veramente da schifo, da persone non umane, è come tornare a 60 anni fa, ai regimi fascisti e nazisti.
Mi fa schifo che la gente venga presa per il culo e non se ne accorga poiché è più facile prendercela con il più povero nel quartiere nostro, nella nostra vita quotidiana, ma non capiamo che non è  prendendocela con quel poveraccio che la nostra vita migliorerà.
Si è instaurata una guerra fra poveri e vorrei che i ragazzi che mi ascoltano riflettessero con questa canzone.
C’è un problema di fondo: chi ci governa.
Il politico è l’unico lavoro senza meritocrazia.
Anche lo spacciatore, un lavoro illegale, è meritocratico. Io nella vita mia l’ho fatto e se non eri bravo perdevi il lavoro o venivi aggredito o addirittura ucciso.
Nella politica rimangono sempre al loro posto, così mi pare, nonostante tutto.

Stai partecipando ad una serie YouTube sul canale Noisey chiamata “Le recensioni del Chicoria” in cui recensisci volta per volta degli album, mostrando la tua simpatia, competenza ed allegria. 
Cosa ti porti dentro da questa esperienza?
Non era una cosa che volevo fare io, ma mi è stato chiesto ed ho accettato. Mi piace che la gente si sia divertita, mi piace far emozionare le persone sia che le faccia riflettere sulla vita sia che le faccia stampare un sorriso in faccia

La nostra intervista è finita. Grazie per averci concesso di farti qualche domanda. Lunga vita al Chicoria!
Un saluto a voi, a tutti i fan, a chi mi segue e agli amici miei.
Un bacione e un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *