CHRISI SI RACCONTA: “MI PIACE PROVOCARE”

Ciao Chrisi!
Abbiamo sentito il tuo ultimo lavoro, “Todomeu”, traccione
da far muovere il collo, perfetto per le vecchie teste hip hop in
cui hai dimostrato le tue capacità tecniche e liriche.
Da cosa è nata l’esigenza di fare un pezzo del genere?
Ciao a tutti gli amici di Exclusive Magazine!
“Todomeu” è in realtà un brano ex novo che ho scritto molti anni
fa uscendo da un periodo difficile della mia vita in cui ho capito
l’importanza di credere sempre in se stessi e contare in primis
sulle proprie risorse. Purtroppo l’inesperienza e la voglia di
arrivare era tanta che ho iniziato il mio percorso artistico insieme
a gente che non prendeva sta cosa seriamente come me , e che
poi ho perso strada facendo, ma mi sono rimboccato le maniche
e ho ricominciato tutto da zero, facendo tutto da me
(strumentali, recording, promo, etc)… ecco come è nato il titolo.
Ho rivisitato il pezzo pubblicandolo con una nuova veste musicale
e un video completamente autoprodotto, una sorta di biglietto
da visita per chi non mi conoscesse ancora ma soprattutto un
passaggio necessario per chiudere un ciclo, prima di far uscire
roba nuova!
2- Raccontaci qualcosa di te, a partire dalla scelta del tuo nome
d’arte fino alle tue tendenze musicali.
Mi piace provocare. Amo mandare in “crisi”chi mi ascolta perché
l’ho sempre vista come una condizione necessaria per crescere …
io stesso spesso subisco gli effetti di quello che scrivo, ecco
perché mi hanno ribattezzato cosi!
Vengo dall’hardcore old school dei Colle e Kaos One ma ho uno
stile molto particolare, e difficilmente accostabile all’hip hop
classico, vivo fuori dagli schemi e questo si riflette anche nel mio
rap.
3- A livello solista stai lavorando a qualche progetto nuovo che
potrebbe colpire sia noi che i nostri lettori?
Ho appena terminato di registrare un nuovo singolo intitolato
“NN6NSS1”, una cosa totalmente diversa da Todomeu sia come
sonorità che come flow. Mi piace sperimentare sempre cose
nuove e stavolta ho partorito qualcosa di veramente pazzesco!
Nei prossimi giorni inizieremo le riprese del video con Emanuele
Galieni alla regia. L’uscita è prevista per fine Dicembre. Punto a
pubblicare un singolo nuovo ogni tre mesi circa e vedere il
pubblico come risponde.
4- Il rap in Italia ha raggiunto vette che fino a un decennio fa
sembravano lontanissime.
Secondo te questa diffusione immensi degli ultimi tempi può
considerarsi un bene o un male?
Qualcuno dice che l’hip hop sia morto, molti dicono che non è
mai stato cosi prolifico, io credo che semplicemente si è
trasformato, che poi non sempre equivale ad un’evoluzione, ma
questo ha permesso a nuovi artisti di farsi conoscere e a quelli
che ci sono sempre stati di continuare a fare dischi e magari
arrivare ad un pubblico nuovo. Quello che secondo me è andato
perso con tutta questa esposizione mediatica è l’approccio a
questa musica che prima aveva radici più profonde e si viveva con
un senso di appartenenza che oggi, salvo rari casi, non c’è piú.
5- Abbiamo visto che fai parte anche di una band rapcore,
chiamata Nu Ira.
Come è nata la band? E come avete deciso questo nome d’arte?
Proprio perché amo sperimentare e mettermi alla prova, dopo
l’uscita del mio primo disco da solista, (che conteneva la prima
versione di Todomeu) mi è stato chiesto di diventare l’mc di una
band rapcore che aveva ottimi musicisti ma un nome
impronunciabile. Abbiamo così iniziato a miscelare il mio rap con
il metal, inserendo arrangiamenti elettronici che spaziano
dall’EDM alla Dubstep e sono nati i NU.IRA (pronunciato come il
famoso brand dei fitted caps) ma con un’attitudine hardcore
molto spiccata! Con loro ho pubblicato due dischi, l’ultimo
“Consapevole” con una label hip hop di New York.
6- Vorremmo ci spiegassi come funziona nella vostra band il
processo di idealizzazione di un brano: nasce dall’idea di un
singolo poi sviluppata insieme, o in altri modi?
Nella band siamo in sei e tutti provenienti da background molto
diversi. Quando lavoriamo ad un nuovo pezzo di solito partiamo
da un riff o una bozza strumentale su cui scrivere che poi
arrangiamo insieme in sala prove, ma non c’è una regola fissa. A
volte invece capita che ho già tutto il testo in mente e da li
sviluppiamo la musica più adatta al mood del brano.
7- “Non Dire Niente” è una traccia della vostra band molto
diretta, un attacco diretto all’industria musicale degno di nota.
Se avessi la possibilità di prendere l’attuale industria musicale e
costruirne una completamente nuova, che caratteristiche
avrebbe?
Più che un attacco “Non dire niente” è uno spaccato di quello che
succede oggi nell’industria musicale italiana. Se accendi la radio o
vedi i talent in tv non fai fatica a capire che la programmazione
segue certi standard precisi sia come sonorità che come temi
trattati.
Siamo liberi di ascoltare quello che ci vogliono far ascoltare e se
cerchi qualcosa di veramente alternativo, farai sempre più fatica
a trovarlo in giro per il web o nei live perché molti di questi artisti
si sono rotti le palle di andare controcorrente, senza media a
supportarli, senza un ritorno economico e con tante difficoltà
nella creazione del proprio pubblico. Bisognerebbe dare spazio
anche a tutti, inserendo le uscite più interessanti nelle playlist dei
grandi networks e portando i live in tv, vedrai che pian piano la
gente apprezzerebbe anche questo tipo di rap!
8- Avete progetti a cui state lavorando come band? O live in
programma?
Abbiamo suonato molto quest’estate soprattutto nel centro Italia
per presentare il nuovo disco. Ora ci siamo presi una piccola
pausa, ma ci stiamo già organizzando per ripartire con altri live da
Gennaio.
PS: sta arrivando anche il nuovo merch!!
9- Da una parte c’è Chrisi, dall’altra Nu Ira.
Dove finisce il rapper punchliner e inizia il cantante aggressivo
della band?
A dire il vero non c’è una linea netta che divide il Chrisi dei
NU.IRA da quello solista, ho cercato di mantenere quella carica
che mi contraddistingue con la band anche nei miei pezzi.
La differenza la fa invece la totale libertà di sperimentare nuove
sonorità, con la quale mi sto addentrando in questo nuovo
progetto. Tra poco capirete cosa intendo…
10- Grazie per il tempo dedicato a rispondere alle nostre
curiosità!
Come ultima cosa, ti chiediamo solo di lasciarci le tue pagine
social e di salutare chiunque stia leggendo questa intervista!
Buona fortuna per tutto, Chrisi!
Grazie ad Exclusive Magazine per questo spazio dove poter
parlare della mia musica! A voi che state leggendo e magari siete
curiosi di saperne di più suggerisco di iscrivervi al mio canale
www.youtube.com/chrisiofficialtv , il nuovo video sarà una vera
bomba! STAY TUNED
More:
www.instagram.com/chrisi___official
www.instagram.com/originalnuira

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *