JOEYFUNBOY

Partiamo dalle domande facili, tra Giorgia e Joey troviamo differenze ?

Giorgia non la vedo da un pezzo.

Poco tempo fa ti sei ritrovata sul palco ad aprire il concerto di Egreen, come l’ha presa il pubblico HH nel ritrovarsi una rappresentante femminile a scaldarlo prima delle esibizioni del Main Guest?

Per quanto riguarda la mia esperienza al concerto di Egreen posso dire che il pubblico è stato meraviglioso e non me l’aspettavo, a dirla tutta. Sia perché siamo due artisti completamente diversi, sia perché fondamentalmente non sono nessuno. Con mia grande sorpresa sono stati caldissimi e molto aperti nei miei confronti, ero felicissima e non mi sono sentita ‘signora’, per così dire, neanche un momento.

Parlando ancora delle tue esperienze in live, ci racconti come vivi le ore prima dei tuoi concerti ?

In ansia cosmica. Ho una paura fottuta dei live, del contatto diretto con la gente. È una cosa che dovrò risolvere perché sono convinta che dovrei vivermi il momento con più leggerezza per arrivare totalmente al pubblico e dare il massimo. Esibirmi dovrebbe essere una gioia e non una tortura.

Il tuo Ultimo brano si intitola “Elizabeth Bathory” per chi ancora non lo avesse sentito vuoi dirci a grandi linee cosa ci si può aspettare da questa canzone

Un tentativo di provare un sound più attuale, un approccio (senza troppo impegno ad essere sincera) alla Trap. Sto cercando di evolvermi ma non so ancora dove voglio arrivare.

Le tue influenze e passato RnB ti sono ancora utili in un questo tuo nuovo percorso ?

Mi sono utilissime, ricevo molti complimenti quando vado in studio, sono molto rapida avendo esperienza, so come migliorare le mie prestazioni avendo studiato e ho sviluppato una certa musicalità grazie ai generi che facevo prima, musicalità che ho visto non essere scontata in questo ambiente. Non voglio tirarmela, ma ho studiato, ci ho messo impegno, ci ho passato gli anni…quindi mi preme moltissimo specificare che non sono l’ultima arrivata. Scusate la spocchia.

Quanto conta, se ancora conta , il talento al giorno d’ oggi ?

Questa domanda vorrei farla alle pagine che si spacciano per ‘sostenitori di talenti emergenti’ e trattano di fenomeni trash nel 90% dei post. Sarò costretta a tentare il grande fratello di questo passo

Sul tuo canale You tube si trovano tutti brani solisti, sei riluttante ai feat o semplicemente ancora non ne hai avuto l’ occasione di farne ??

Sono molto critica e al mio fianco in un pezzo non mi basta il rapper forte, ci tengo anche che ci sia affinità di attitude, di stile, di immaginario, di cuore… forse faccio fatica per questo motivo. Ho un mio modo di vedere i featuring. Non mi piacerebbe sentire Marilyn Manson in un pezzo con Celine Dion, non so se mi spiego… ho un po’ di tic su queste cose

Domanda che ogni artista a nostro modo dovrebbe farsi, perché fai musica?

Non lo so. Devo, l’ho sempre fatto, è la cosa che so fare meglio e forse l’unica che so fare, se non fosse indispensabile avrei già smesso perché la musica mi ha fatto più male che bene fino ad ora. La odio almeno quanto la amo.

Domanda extra musicale : hai la possibilità di scegliere un potere magico, quale scegli ?

Il teletrasporto probabilmente.

Saluta tutti coloro che pensi sia giusto salutare e ringraziare

Ringrazio voi per l’intervista e il supporto che mi date sempre, ringrazio chi ascolta i miei pezzi, è la cosa più importante. Io lo dico sempre; non ascoltate quello che dico ascoltate quello che scrivo, che la mia anima è tutta lì. Ringrazio le ragazze di Doyenne, un progetto di cui mi piacerebbe parlarvi prossimamente! In particolare Nox e True S.