Al PalaSerradimigni la sfida storica di ritorno dei quarti di finale di Basketball Champions League.

SASSARI. “Gasata” dal successo di Cremona, la Dinamo Banco di Sardegna punta alla storia. Domani, mercoledì 29 aprile, alle 20,30 al PalaSerradimigni gli atleti di Federico Pasquini sfidano l’As Monaco con un solo obiettivo: ribaltare il -11 della gara di andata (73-62) e andare alle Final Four di Champions League. I quarti di finale sono il massimo traguardo mai raggiunto in Europa, ma Sassari vuole andare sino in fondo. Per la gloria, ma anche per ambire ad ospitare la fase finale della competizione: la Fiba ha deciso che le Final Four si disputeranno in una delle città in lizza per il titolo.

Per Sassari, non solo per la Dinamo, sarebbe una vetrina straordinaria. Il tecnico del Banco è fiducioso: «Questa partita ci riempie di orgoglio, giocare queste sfide dà valore al nostro lavoro, si suda tanto per arrivare a match come questi, l’abbiamo fatto per sette mesi e ora ci giochiamo la qualificazione alla Final Four di Champions», scandisce Pasquini.

«Mi aspetto grande energia ed elettricità – sottolinea Pasquini – grazie al grande pubblico del PalaSerradimigni ci sarà una grande atmosfera». Sul piano tattico «è importante non farsi prendere dalla fretta e dall’ansia e giocare la nostra pallacanestro, bisognerà cogliere l’attimo e provarci». Senza dimenticare «che giochiamo contro una squadra dal grande atletismo, dalla straordinaria fisicità e dalla costante presenza – avverte – che arriverà qui al top di un’annata molto positiva». Ma la Dinamo «è pronta per questa sfida», assicura l’allenatore che aspetterà all’ultimo per decidere chi sta fuori, ma è probabile che tocchi ancora a David Bell.